Piero Gobetti: Quattro studi recenti

Piero Gobetti: Quattro studi recenti

Su Piero Gobetti sono stati pubblicati molti libri in questo breve articolo vi segnalo quattro tra i più recenti studi sul giovane intellettuale torinese.

1- Il critico e il pittore. Gobetti, Casorati e la sua scuola ( a cura di Cesare Pianciola, Aras Edizioni, 2018)

Felice Casorati (1883-1963) ci ha lasciato di Piero Gobetti (1901- 1926) un ritratto penetrante e idealizzato dipinto per la fondazione del Centro studi a lui intitolato. La critica d’arte, nella multiforme attività di Gobetti, fu seria e impegnativa. Tra i pittori contemporanei che apprezzò (Carrà, De Chirico, Soffici…), la figura centrale è Casorati, su cui scrisse e pubblicò nelle sue edizioni una monografia nel 1923. Il pittore era legato al suo critico da una «amicizia tenace completa perfetta», come la definì alla morte del giovane antifascista. Gobetti fu anche il primo a mettere in rilievo l’importanza della scuola di Casorati ai suoi inizi, vedendovi «una cosa completamente nuova, lontana da ogni sistematicità di accademia». Piero e Ada erano intimi delle sorelle Marchesini: Maria, Dadi e Nella, che fu la prima allieva del maestro. I saggi qui raccolti esplorano diversi aspetti di una vicenda che parte da Gobetti e si dipana in un tessuto culturale da cui è possibile trarre nuovi echi.

2- Piero Gobetti e la Riforma in Italia. Atti del Convegno in onore di Alberto Cabella (a cura di Marta Vicari, Aras edizioni, 2018)

Il 9 giugno 2017 si è tenuto il convegno di studi sul tema Piero Gobetti e la Riforma in Italia, dedicato ad Alberto Cabella, vicepresidente del Centro studi Piero Gobetti, studioso del protestantesimo, dell’europeismo e dell’eredità di Gobetti, in occasione della ricorrenza del terzo anno dalla sua scomparsa. Il convegno fu organizzato e promosso dal Centro Gobetti, si inserì nel vasto programma predisposto per i 90 anni dalla morte di Piero Gobetti. Il volume raccoglie gli importanti contributi del convegno, una raccolta di testimonianze sulla figura di Alberto Cabella e un’appendice con alcuni significativi testi inerentiil tema gobettiano della mancata Riforma in Italia.Contributi di: Pietro Polito, Andrea Panero Geymet, Paolo Bagnoli, Davide Dalmas,Anna Strumia, Laura Ronchi De Michelis, Marta Vicari.

3- L’eresia di Piero Gobetti ( Di Pietro Polito, Raieneri Vivaldelli editori, 2018)

L’autore raccoglie in questo volume gli studi gobettiani compiuti negli anni Duemila, riletti, aggiornati e in parte riscritti. Il filo conduttore che li riunisce e li lega tra loro è l’eresia – qui proposta come una risorsa per l’oggi – applicata all’illuminismo, alla democrazia, all’eredità del Risorgimento e alla storia d’Italia, al meridionalismo, all’amicizia, alla rivoluzione, alla politica e alla cultura.

4- L’utopia della rivoluzione. La rivoluzione liberale ( di Pietro Polito, Aras edizioni, 2019)

Può avvenire oggi una rivoluzione, così come le abbiamo conosciute nel Novecento? Ed è auspicabile? A partire dall’idea gobettiana che il Risorgimento è stata la grande rivoluzione mancata del nostro Paese, si procede per interrogativi. Il fascismo è una rivoluzione? La Rivoluzione russa è stata una rivoluzione liberale? Qual è la forma della rivoluzione liberale alla maniera di Piero Gobetti?

Ne emerge un Gobetti ricostruito in modo filologicamente rigoroso e interpretato in modo coerente come una figura del XXI secolo. In appendice il libro propone un profilo di Gobetti e due studi sui suoi rapporti con Palmiro Togliatti insieme a due lettere inedite del dirigente comunista al giovane intellettuale torinese.